Il Borghetto del Castello

| di La Redazione
STAMPA

Il Borghetto è un ristorante-pizzeria situato ai piedi del suggestivo Castello di Nozzano.

Il menu propone antipasti misti di terra e mare, crostoni tocani, bruschette e taglieri di formaggi e salumi; primi piatti a base di pasta fresca e ripiena, sughi della tradizione toscana di carni, cacciagione, funghi e pesce, zuppe calde e vellutate di verdure; secondi piatti a base di carni alla griglia e alla brace, pesce fresco, e una vasta scelta di pizze e focacce rigorosamente cotte nel forno a legna. Dolci fatti in casa, creme e semifreddi, torte, crostate e pasticceria fresca, concludono la carta. Ampia ed accurata anche la proposta di vini e birre.

Anche questa volta ci presentiamo numerosi, in undici, chiaramente dopo aver prenotato telefonicamente nel primo pomeriggio, in modo da poter assaggiare buona parte dei cibi proposti dal menu.

Veniamo subito accolti all'ingresso con estrema gentilezza ed accompagnati al tavolo da noi riservato.
L'interno del locale è ben illuminato ma il legno accostato al giallo tenue delle pareti preserva un aspetto rustico ed al contempo intimo.
La tavola è apparecchiata in modo semplice ma accurato.

Ordiniamo diverse specialità: antipasti di mare e di terra, carpaccio scottato di branzino con rucola, grana e pinoli, tagliatelle ai funghi, tacconi ai porcini tartufati, filetti alla crema di pepe verde, tagliata ai porcini, filetto di salmone fresco sfumato, scampi e gamberoni alla catalana. Da bere, come sempre, vino della casa, rosso e bianco.
Il servizio è veloce e preciso: per le prime portate, che arrivano tutte in contemporanea, attendiamo meno di 15 minuti. Le seguenti saranno intervallate di 5/10 minuti dal ritirare delle precedenti.

Gli antipasti, pur nella tradizionalità degli ingredienti sono originali, ri-interpretati nella composizione e nella presentazione, variegati ed abbondanti, così come lo sono tutte le porzioni.
Le pietanze sono servite su piatti grandi ed ornati; squisiti alcuni insoliti accostamenti che colorano il piatto e deliziano il palato. Un esempio: la catalana di crostacei è adagiata sul classico letto di crudités, ma con l'aggiunta di ribes e kiwi.
Le carni sono tenere, saporite, cotte a puntino, e presentano un leggero retrogusto aromatico di aceto balsamico, che non ne compromette il sapore.
I funghi, veramente Porcini, e di zona. Ottimi. Non i classici funghi scadenti che siamo ormai abituati a farci “rifilare” da gran parte dei ristoratori.
I vini, economici, ma assolutamente di ottima qualità.

Rimaniamo tutti estremamente soddisfatti della cena, che si concluderà con caffé e digestivi.

Temiamo il peggio all'arrivo del conto: le porzioni erano estremamente generose, i cibi di qualità ineccepibile, le bottiglie di vino...numerose, e quindi ci aspettiamo un conto decisamente salato.

Spesa: 29 euro a testa. Se prima eravamo sazi e felici, adesso siamo addirittura entusiasti. Il rapporto qualità/prezzo è decisamente uno dei migliori che si possa trovare tra i ristoranti lucchesi.

Ci torneremo al più presto, forse già il prossimo fine settimana.

La Redazione

Contatti

redazione@.luccacitta.net
mob. 320.8428413
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK